HTML

BlogItalia - La directory italiana dei blog Gustosa Ricerca – ricette di cucina e motore di ricerca di ricette
MyFreeCopyright.com Registered & Protected
MyFreeCopyright.com Registered & Protected

Test

Ero una cuoca, ora mi riposo ma mi piace condividere idee e ricette, appunti ed esperimenti del mio viaggio intorno al cibo

giovedì 29 marzo 2012

Pessach. I dolci della pasqua ebraica: Ztimmes

Dopo aver visto alcuni dei piatti tradizionali di Pessach cioè della cena pasquale ebraica, siamo arrivati ai dolci.

Come per tutti gli altri piatti, nella cena di Pessach non deve essere presente lievito, nel modo piu' assoluto e quindi, anche i dolci, sono preparati senza. (se vuoi sapere perchè vai alla scheda sulla Pessach)

Le ricette dei dolci ebraici in generale utilizzano sempre ingredienti tipici dei Paesi del mediterraneo e del medioriente.
Sono dolci semplici ma molto golosi.
Un dolce tipico di Pessach è Ztimmes, un dolce facile a base di ananas.

dolci di Pasqua_ricette di PessachZtimmes
Dolce di ananas e carote

Ingredienti:

  • 2 Kg di carote
  • 1 ananas pulito
  • 3/4 di tazza di sciroppo di zucchero e acqua (opzionale)
  • 3 cucchiai di uvetta


Preparazione:

  • Pulite le carote e affettatele nel modo che preferite, a rondelle oppure a dadolini. Cuocete le carote in abbondante acqua con un cucchiaino di sale per 20 minuti.
  • Nel frattempo con un mixer a immersione o il frullatore, frullate metà dell'ananas e tagliate a dadi il rimanente, unite il tutto nella pentola con le carote.
  • Abbassate un poco la fiamma e fate cuocere insieme ancora per 10/15 minuti. Unite anche l'uvetta.
  • Togliete dal fuoco e aggiungete lo zucchero semolato o lo sciroppo di zucchero a piacere, per dolcificare.
  • Versate nelle coppette e lasciate raffreddare prima di servire Ztimmes.
  • Decorate con uvetta fatta rinvenire per 5 minuti in una tazza d'acqua tiepida.

Carciofi alla Giudia. Ricette ebraiche

Parlando di cucina ebraica, apro volentieri una parentesi nelle ricette di Pasqua, per darvi la ricetta dei Carciofi alla Giudìa.

Un piatto che squisito è dire poco e che spesso le persone confondono con i carciofi alla romana, che sono un'altra cosa.
I carciofi alla Giudìa, infatti, chiamati in questo modo in romanesco, sono un piatto tipico della cucina ebraica che si usa per la festività di Kippur e la particolarità è che si cucinano e si servono a testa in giu', con il corpo ben schiacciato, come fossero una rosa.
Per ottenere questa forma conta anche molto il taglio di preparazione dei carciofi.
I carciofi alla Giudìa si cucinano praticamente affogati nell'olio senza altri ingredienti e infine si passano velocemente nell'olio molto bollente, per poterli rendere croccantissimi all'esterno.
Insomma, sono un piatto veramente prelibato, che si gusta in tutti i ristoranti di Roma ma in modo speciale in quelli della zona dell'antico "ghetto" cioè a ridosso del Portico d'Ottavia.

La ricetta, l'ho trovata sul sito di ricette di De Agostini ed è scritta benissimo.


Clicca per la ricetta: Carciofi alla Giudìa





Foto: SignorDeFazio-Flickr

Vuoi un'altra ricetta con i Carciofi? La trovi qui: carciofi alla libanese

mercoledì 28 marzo 2012

Le ricette di Pessach. La Pasqua ebraica e i suoi piatti

Come abbiamo visto, la Pessach è una festa fondamentale per la tradizione ebraica. Una festa che dura 7 giorni e si apre con una cena corale ricchissima di simboli. Fra i simboli di Pessach una serie di pietanze vengono preparate e consumate con un rigido e preciso rituale.

Dopo aver visto come si preparano i Matzoth, cioè gli Azzimi (li trovi qui), vediamo un' altra delle pietanze fondamentali della cena di Pessach.
Maror, le erbe amare rappresentano l'amarezza del tempo della schiavitù in Egitto. 
Sulla tavola di Pessach sono presenti al centro del piatto: Rafano, lattuga romana, indivia.

  • A seconda del Paese in cui ci si trova nel mondo ci può essere anche cicoria e cicorini selvatici.
Le erbe amare sono accompagnate da una salsa speciale che si chiama Charoset e da 2 ciotoline, una di sale e una di aceto, anche queste hanno un significato simbolico. e il loro rituale.

Pessach. La pasqua ebraica e i suoi piatti tradizionali

Nella tradizione ebraica la prima e principale festa dell'anno è Pessach, cioè la Pasqua, che gli ebrei chiamano " il tempo della nostra liberazione ".

Pessach è una festa antichissima per gli ebrei, che cade in Primavera, come per molte altre culture. Festeggia lo sbocciare della vita, la rinascita, celebra il passaggio alla vita, il ritorno alla vita. Questa liberazione cade sempre di primavera, nel mese di Nissan.

  • Pessach è una festa religiosa, corale, che si mantiene inalterata da 3000 anni, che viene celebrata ogni anno dalle famiglie ebree con un rito attentissimo ad ogni dettaglio. Dove ogni gesto e ogni piatto hanno il loro significato simbolico.

I 3 segni, i tre elementi e cibi principali di Pessach sono

  • Agnello
  • Matzah , cioè il pane atzimo
  • Maror , cioè le erbe amare.

Nella tradizione ebraica, il lievito è simbolo del male. E' il simbolo dell'egoismo, della cattiveria, della superbia che si infilano negli uomini e li rendono cattivi.
Così all'opposto, ciò che è privo di lievito è semplice e buono, privo di quel germe di cattiveria.
Anche nei segni esteriori, secondo gli ebrei, il pane lievitato è bello esteticamente, gonfio, ma povero interiormente e simbolo della superbia di colui che gonfia il petto e si gloria di se stesso, mentre il pane senza lievito è il simbolo delle persone umili e sincere, buone e oneste, perchè non hanno dentro di sè il fermento della cattiveria.

giovedì 22 marzo 2012

Sformatini di verdure alle erbe aromatiche. Profumo di Primavera

Ormai è davvero Primavera e anche a tavola i profumi delle erbe e le ricette, cambiano colore e anche sapore.
In tema con la Primavera e la leggerezza dei piatti, prepariamo una ricetta facile. Gli sformatini di verdure alle erbe aromatiche, che possiamo arricchire con del formaggio fresco e un'insalatina per accompagnarli.
sformatini-di-verdure-alle-erbe

Per le erbe io preparo spesso un mix di tutte le erbe che mi ispirano, aggiungo una presa di sale e lo tengo pronto.
  • Si possono preparare dei barattolini diversi a seconda della destinazione, se per le carni, i sughi o le verdure. Intanto per gli sformatini, potete utilizzare la pasta sfoglia, la brisé o anche la Fillo, come involucro esterno. 
Gli sformatini si preparano negli stampi monoporzione e sono molti decorativi anche sulla tavola.

Ingredienti: (per 4 persone)
  • 1 confezione di pasta sfoglia stesa
  • 6 uova
  • 1 zucchina
  • 6 pomodorini pachino
  • 1 scalogno
  • sale q.b.
  • olio extra vergine d'oliva
  • 2 cucchiai di un mix di erbe: basilico, prezzemolo, timo, erba cipollina
  • 2 cucchiai colmi di formaggio fresco spalmabile o ricotta
  • 1 manciata di grana grattugiato
Difficolta': Facile
Tempo di preparazione: 10 minuti
Tempo di cottura: 20 minuti

Occorrente: Mattarello, Padella, Coppapasta,Stampini monoporzione

martedì 20 marzo 2012

Bigne' alla crema di carciofi. Ricette per Pasqua

Sulla tavola di Pasqua i carciofi e i bigné, sono un'accoppiata vincente.
I Bignè alla crema di carciofi sono veramente una delizia. Si preparano facilmente e si possono allestire in tanti modi, anche per esempio per fare un centrotavola decorativo.

Se non avete abbastanza tempo, utilizzate i bigné già pronti che trovate al supermercato. Se invece avete tempo, la ricetta dei bigné la trovate qui: come fare i bigné

Ingredienti:
  • 1 conf. di bigné pronti da 100 gr.
  • 4 carciofi oppure 1 conf. di carciofi surgelati
  • 1 limone
  • 1 vasetto di panna acida da 125 gr.
  • 200 g di formaggio caprino fresco
  • 1 formaggino
  • 1 cucchiaio di origano
  • alcuni rametti di timo limonato fresco
  • 1 spicchio d'aglio o 1 scalogno
  • 2 cucchiai di nocciole tritate
  • 1 fetta di gorgonzola dolce da 100 gr.
  • sale e pepe q.b.
  • olio extra vergine di oliva
  • ciuffetti di cerfoglio per decorare

Difficoltà' : Facile
Tempo di preparazione: 15 minuti + farcitura
Tempo di cottura : 10 minuti
Occorrente: Padella grande, Mixer, Sac a poche o siringa da pasticciere

venerdì 16 marzo 2012

La ricetta della Torta di Pasqua al formaggio

Un'altra ricetta classica della Pasqua, nel nostro paese è la Torta di Pasqua al formaggio o pizza di Pasqua come la chiamano alcuni.

Una torta a metà tra il panettone salato e un pan di spagna.
Ha un gusto particolare ma unico e davvero non può mancare sulla tavola per la colazione di Pasqua.
La ricetta della torta di Pasqua al formaggio è molto variabile, a seconda della regione e anche dei gusti personali.
Io utilizzo questa mia versione che la rende delicata e profumata, ottima sia con i salumi che con le uova di cioccolato
La torta pasqualina si può conservare per diversi giorni, ma siccome tende a seccare, tenetela ben chiusa in un sacchetto per alimenti.

Ingredienti:
8 uova
600 gr. di farina 00 (o 300 farina 00 + 300 Manitoba)
100 ml. di latte
50 gr di lievito di birra
1/2 bicchiere abbondante di olio di oliva
125 gr. di ricotta salata grattugiata
125 gr. di grana grattugiato
200 gr. circa formaggio di pecora umbro o toscano
sale e 
pepe q.b.
1 cucchiaino di zafferano in polvere

Difficoltà: Facile
Tempo di preparazione: 30 minuti + attesa
Tempo di cottura: 30/40 minuti 
Occorrente: Sbattitore+Ciotola grande+ Stampo alto da panettone

giovedì 15 marzo 2012

La ricetta dei Bigne' di San Giuseppe, Zeppole e Sfince.

San Giuseppe, il papà piu' celebre della storia è il protettore della festa del papa' e penso anche dei bignè, che poi si chiamano in tanti modi. Bignè di San Giuseppe, Zeppole a Napoli, Sfince in Sicilia, come le volete chiamare, il concetto non cambia: soffici bignoline ripiene di crema.

Un dolce di una bontà unica. I bignè di San Giuseppe si possono fare sia fritti che al forno e rifinire con un giro di panna o di crema e una ciliegina. Eccovi la ricetta e per un giorno, dimentichiamoci la dieta.
Le dosi sono per fare una decina di bignè.


Per i bigné: 

  • 250 ml di acqua (1 tazza grande)
  • 150 gr. di farina
  • 100 gr di burro
  • 4 uova
  • 30 g di zucchero
  • sale q.b.
  • 1 bustina di vaniglina
  • zucchero a velo vanigliato per decorare
  • olio per friggere*

*(Io consiglio sempre di usare l'olio di oliva per friggere perchè regge molto meglio le temperature alte ed ha anche un qualità superiore dell'olio di semi. Se invece usate l'olio di semi è meglio il girasole o il mais )

Per la Crema Pasticciera: 

  • 500 ml di latte
  • 5 tuorli
  • 150 gr di zucchero
  • 40 gr di farina o 40 gr. di maizena
  • 1 fetta di scorza di limone intera
  • un pezzetto di stecca di vaniglia o 1 bustina di vaniglina in polvere
  • 1 cucchiaio di Rhum
  • 250 di panna fresca da montare (per decorare oppure da mescolare con la crema per renderla squisita)


Difficoltà: media
Tempo di preparazione: 30 minuti
Tempo di cottura: 15 minuti
Occorrente: Pentola, cucchiaio di legno, tegame o teglia, sac-à-poche, beccuccio a stella

mercoledì 14 marzo 2012

Food Film Festival. Un festival di cinema e di cibo sostenibile

Se vi trovate ad Amsterdam, o avete occasione di passarci alcuni giorni questo fine settimana, approfittate per partecipare al Food Film Festival, che si svolgerà dal 16 al 18 marzo.
Un appuntamento veramente gustoso e divertente organizzato dalla rete giovane di Slow Food.


Il Food Film Festival, giunto alla seconda edizione,  è un mix di film che parlano di cibo, di cucina o che sono legati al food, e una serie di eventi tra cui: concerti, seminari di cucina, un mercato contadino, art&design.
Accanto al Festival un ristorante in cui giovani chef prepareranno pasti sostenibili e di stagione usando prodotti locali.

Paccheri al forno filanti. Cotti e mangiati

Un primo piatto veloce e squisito. Questa è una ricetta che ha avuto un gran successo ogni volta che l'ho consigliata. Perchè è una pasta al forno che si cuoce direttamente e solo in forno. Praticamente in 15 minuti hai pronto in tavola un piatto squisito, come un piatto di festa.


E' una ricetta che si può fare con qualunque tipo di pasta corta, che abbia un po' di consistenza e se vi piace sperimentare, anche con un sugo bianco.


Ingredienti: (per 4 persone)
  • 350 gr. di pasta tipo tortiglioni
  • 1 mozzarella da 150 gr.
  • 400 gr. di polpa di pomodoro
  • 50 gr. di parmigiano grattuggiato
  • olio extra vergine d'oliva
  • basilico, erba cipollina
  • sale q.b.
  • se la gradite una piccola cipolla rossa
Difficoltà: Facile
Tempo di preparazione: 5 minuti
Tempo di cottura: 15 minuti
Occorrente: Terrina, Pirofila

martedì 13 marzo 2012

Come si fa la pasta brisée

La pasta brisée, lo dice il nome è un impasto base francese. Brisée sta per 'friabile', che vuol dire burrosa-croccante, non gommosa nè troppo secca.
La pasta brisée si differenzia dalla pasta frolla perchè non ha le uova.
Invece ha in comune con la pasta sfoglia un imperativo categorico: deve essere lavorata velocemente e senza mai far prendere temperatura nè agli ingredienti, nè all'impasto.

Uno degli ingredienti fondamentali, dunque, per la pasta brisée è il ghiaccio e il freddo in generale. 
  • E' una pasta che si usa indifferentemente per i dolci o per le torte salate.

Lo spessore che si dà quando si stende con il mattarello è importante per il risultato che si vuole ottenere. In genere si stende molto sottile per i biscotti (2/3 mm.) e il doppio per una torta. (5/6 mm.)

  • Un'altra cosa importante da ricordare è che, così come la pasta frolla, quando andiamo a metterla in teglia tenderà a rompersi. Non è un problema, la possiamo riaggiuntare con le mani.

Piu' importante è che la teglia sia leggermente unta o imburrata oppure coperta di carta forno, perchè cuocendo tenderà ad attaccarsi sui bordi ed essendo molto friabile, nel tentativo di estrarla rischiamo sicuramente di spezzarla se forziamo.
Vediamo come si fa la pasta brisée, ringraziando Gennarino.org per le immagini .


Ingredienti: (per una teglia diametro 26/28 cm)
  • 500 gr. di farina 00
  • 250 gr. di burro
  • 125 gr. acqua fredda
  • sale q.b.
Occorrente: Mattarello - Ghiaccio - Pellicola trasparente

lunedì 12 marzo 2012

Come fare gli Hot Cross Buns. I panini dolci inglesi

In ogni Paese del mondo la quaresima e la Pasqua si celebra a tavola con qualche ricetta speciale.

In Inghilterra ad esempio, ma anche in altri paesi anglosassoni, si preparano gli Hot Cross Buns, che sono dei panini dolci, riconoscibili proprio dalla 'croce' con cui sono decorati.

La tradizione degli Hot Cross Buns arriva da lontano, nei secoli passati, ma ogni fornaio inglese li prepara certamente in occasione della settimana santa.

Gli Hot Cross Buns somigliano molto ai nostri maritozzi, ma hanno la particolarità che vanno mangiati 'hot', cioè caldi.

Nell'impasto possiamo aggiungere anche dell'uvetta e sostituire lo zucchero con miele o sciroppo di acero. La croce può essere di glassa di zucchero, oppure semplicemente un taglio profondo sulla pasta, prima di infornarli.

Gli Hot Cross Buns sono molto buoni, eccovi la ricetta.


Ingredienti:
  • 250 gr. di farina
  • 250 gr. di manitoba
  • 1 cubetto di lievito di birra
  • 80 gr. di burro (o margarina)
  • 100 gr. di zucchero semolato
  • 2 uova (+ 1 tuorlo)
  • 1 tazza di latte (200/250 ml.)
  • 1 cucchiaino di spezie miste: noce moscata, chiodi garofano, cannella
  • 100 gr. di uvetta
  • scorza grattuggiata di 1 limone
  • 4 cucchiai di canditi di cedro e arancia
  • 1 presa di sale
  • 1 cucchiaio di miele
Per la glassa:
  • 50 gr. di zucchero a velo +  poca acqua
Difficoltà' : Facile
Tempo di preparazione: 30 minuti +  tempo d'attesa
Tempo di cottura : 20/30 minuti
Occorrente: Ciotola grande+ Pellicola trasparente+Placca da forno+Carta forno+Pennello da pasticciere

venerdì 9 marzo 2012

Come si fa la Colomba pasquale.

Pasqua in tavola è anche e soprattutto la Colomba, un dolce lievitato caratteristico della tradizione italiana, come il Panettone.


E come nel caso del Panettone e del Pandoro, la Colomba si può preparare anche in casa.

La realizzazione non è difficile, occorrono ingredienti di ottima qualità e una sana pazienza, per seguire la lunga lievitazione e le fasi di impasto. Considerate che dal momento in cui cominciate occorrono 2 giorni per arrivare a cottura.
  • La ricetta tradizionale della Colomba prevede i canditi, se non li amate potete eliminarli o sostituirli con gocce di cioccolata oppure mandorle tritate.
Il risultato ottimale si ottiene utilizzando il lievito madre (clicca per le istruzioni). I dettagli delle dosi in fondo nel box Varianti.

Ecco invece la ricetta della Colomba per chi vuole utilizzare il lievito di birra. 

Ingredienti:
  • 300 gr. Farina 00
  • 300 gr. Manitoba
  • 250 gr. burro
  • 1 cubetto di lievito di birra (25 gr.)
  • 3 uova intere + 3 tuorli
  • latte q.b.
  • 180 gr. Zucchero
  • scorza di 1 arancia grattuggiata
  • scorza di 1 limone grattuggiata
  • 2 bustine di vaniglina
  • 2 cucchiai di miele
  • 1 pizzico di sale
  • 150 gr. di canditi : arance e cedro
Per la copertura:
  • 120 gr. di zucchero a velo
  • 150 gr. di mandorle intere
  • 3 albumi (recuperati dalle uova della ricetta)
  • zucchero in grani qualche cucchiaio
Difficoltà: media
Tempo di preparazione: 20 minuti ad ogni impasto + lievitazione
Tempo di cottura : 30/45 minuti
Occorrente: Attrezzo per impastare + Ciotola molto grande + Stampo per colomba + Mixer

giovedì 8 marzo 2012

Ricette di quaresima. Carciofi alla libanese. Ardishawqi bi zait

Dalla cucina libanese, un ricetta internazionale, che possiamo considerare una ricetta di quaresima.  Dal nome tipicamente arabo, l'Ardishawqi bi zait  è un piatto a base di Carciofi, ottimo per questa stagione, cotti in olio e arricchiti di profumi e spezie.
Per semplicità la chiamiamo Carciofi alla libanese.
100piatti ricette libanesi carciofi
E' un contorno di verdure che potete accompagnare molto bene con la ricetta di pizzette di carne, sempre di origine mediorientale,  che ho trovato sul sito 100piatti.it


Ardishawqi bi zait 


Ingredienti: (per 4 persone)
  • 4 carciofi
  • 2 carote medie
  • 1 tazza di piselli sgusciati
  • 500 gr. di  cipolline
  • sale q.b.
  • 1 cucchiaino di zucchero
  • succo di 2 limoni
  • 1 cucchiaino di farina
  • spezie miste: cumino, origano, coriandolo
Difficoltà' : Facile
Tempo di preparazione: 15 minuti
Tempo di cottura : 20 minuti
Occorrente: Pentola

Come si fanno le uova di Pasqua di cioccolato

Pasqua si avvicina e cominciamo a vedere insieme un po' di ricette per un menu di festa, che quest'anno si riempie dei profumi di primavera. Iniziamo con un classico della Pasqua ovvero dalle Uova di cioccolato. 
Regalare le uova a Pasqua è un segno di buon augurio e prepararle in casa è facile e anche molto divertente. Ovviamente la prima cosa che ci serve è un ottimo stampo e se ne trovano facilmente in commercio,  di tutte le misure.
Seconda cosa fondamentale la cioccolata, che possiamo scegliere fondente, al latte, bianca o anche un mix di tutte e tre.

Nelle uova di cioccolata artigianali, oltre alla sorpresa, è fondamentale la decorazione che si realizza con un po' di pazienza e molta fantasia.
Procuratevi dei fogli di cellophane per alimenti e dei fiocchi colorati per incartare le vostre uova e regalarle.

venerdì 2 marzo 2012

Muffin al cioccolato

Dopo aver parlato dei Muffins, in versione salata, (li trovate qui) non potevo fare a meno di darvi la ricetta di una versione dolce, ovvero i Muffin al cioccolato.

Morbidi, dolci, molto carini da vedere e soprattutto molto facili da fare, i Muffins si possono fare in tutte le versioni che si vogliono. Farciti e decorati secondo la vostra fantasia.
Ecco una ricetta per fare dei Muffin al cioccolato, rifiniti con una glassa di cioccolato fondente e spolverati di crumble.
Ma potete gustarli semplicemente con una spolverata di zucchero a velo.

Ingredienti: (per 10 pz.grandi)
  • 175 gr. di farina 00
  • 1 cucchiaino colmo di mix di lievito per dolci e bicarbonato
  • 70 gr. di zucchero
  • 40 gr. di burro (o margarina)
  • 100 gr. di cioccolato fondente
  • 2 uova
  • 80 ml. di panna acida
  • 2 cucchiai di crumble con frutta secca


Difficoltà: Facile
Tempo di preparazione: 20 minuti
Tempo di cottura: 15 minuti
Occorrente: Terrina+Sbattitore+Stampi per muffin e pirottini di carta+Pentolini

giovedì 1 marzo 2012

Muffin ai broccoletti e stracchino. Ricette di Primavera

I muffin, sono un'altra di quelle ricette di oltre-oceano che però ci hanno letteralmente conquistato.

Probabilmente perchè i muffin sono facili da fare, morbidi, rotondi, simili al pane, ma con un gusto in piu'. I muffin sono molto scenografici e si prestano veramente bene ad essere decorati, serviti in composizioni per la tavola.
La piu' grande qualità dei muffin è che possono essere sia dolci che salati. Perfetti da mescolare a verdure di stagione.
Eccovi perciò una proposta da preparare per cena.
I muffin ai broccoletti e stracchino. Allegri, profumati e buonissimi. Perfetti anche per chi è a dieta.

Ingredienti: (per circa 12 muffin medio-grandi)
  • 350 gr. di farina
  • 2 uova
  • 50/100 burro (meno burro se volete impasto simile al pane)
  • 2 cucchiaini di lievito per dolci
  • sale q.b.
  • 1 cucchiaio di zucchero
  • 200 ml. di latte
  • 100 gr. di stracchino
  • 150 gr. di broccoletti in rosette
  • 1 piccola cipolla
  • 1 cucchiaio di pancetta a dadini
Difficoltà: Facile
Tempo di preparazione: 15 minuti
Tempo di cottura: 25 minuti
Occorrente:Mixer, Sbattitore o frusta elettrica, Stampo per muffin

Cerchi una ricetta o un ingrediente? Trovala da qui

ANSA NEWS